Angelo Custode:
dispositivi e teleassistenza di
sicurezza per i Lavoratori Isolati

La sicurezza dei lavoratori isolati

I Lavoratori che operano in solitaria e/o isolati, quindi con condizioni di rischio aggiuntive, necessitano di essere assistiti da remoto in maniera efficace. La professionalità nella gestione centralizzata delle emergenze è fondamentale ed è uno dei capisaldi di Remote Assistance, che offre Teleassistenza tramite Dispositivi di comunicazione per la protezione del lavoratore isolato (LWP – Lone Worker Protection).

Teleassistenza In outsourcing

DispositiviDi comunicazione e protezione (uomo a terra)

GestioneDelle emergenze

Operatività h24, 7 giorni su 7

Servizio di teleassistenza

Con Remote Assistance è possibile attivare rapidamente Il servizio di protezione del Lavoratore Isolato Angelo Custode il cui standard è così all’avanguardia che fino a oggi sembrava essere accessibile solo a grandi aziende. Diamo la possibilità, infatti, di avere a disposizione non solo Dispositivi uomo a terra con funzionalità di comunicazione, ma anche un unico interlocutore specializzato che condivide direttamente con le imprese una centrale di teleassistenza di sicurezza, una piattaforma di comunicazione evoluta e una serie di protocolli specifici di safety.

Affidandoti al servizio di teleassistenza Angelo Custode, hai la garanzia di poter contare su un addetto alla gestione delle emergenze in grado di attivare immediatamente il pronto intervento pubblico, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Scopri ANGELO CUSTODE

Angelo Custode è un servizio in outsourcing di teleassistenza del Lavoratore Isolato.

Nasce per proteggere il lavoratore che opera in situazioni di isolamento e dare un supporto specializzato al datore di lavoro.

I punti di forza della teleassistenza Angelo Custode

Nel rispetto delle norme sulla sicurezza del lavoratore isolato nazionali (D.lgs 81/08) e internazionali (BS 8484 e BGR 139), con Angelo Custode il Datore di Lavoro può dotarsi di:

  • Dispositivi di comunicazione per la protezione del Lavoratore Isolato: LWP Phone, con tutte le funzionalità di sicurezza del lavoratore isolato, e LWP Smartphone, che rendono disponibili anche le funzioni tipiche dei comuni smartphone;
  • Centrale SLI (Sicurezza del Lavoratore Isolato) operativa 24/7, con un team di Operatori specializzato e dedicato alla supervisione della sicurezza dei Lavoratori Isolati e alla gestione delle emergenze;
  • Protocollo di escalation formalizzato per l’attivazione degli Enti Pubblici preposti al Pronto Intervento

Il servizio Angelo Custode garantisce procedure e tecnologie realizzate in collaborazione con esperti di Sicurezza sul Lavoro. Le nostre soluzioni sono ideali per grandi, piccole e medie imprese.

Scopri tutti gli approfondimenti

I Livelli di protezione dei nostri Dispositivi per lavoratori isolati

A differenza dei comuni Dispositivi uomo a terra in commercio, con Angelo Custode e i suoi Dispositivi di sicurezza LWP è possibile garantire diversi livelli di protezione:

  1. Uomo a terra (man down)
  2. Immobilità (uomo morto)
  3. Richiesta SOS (inoltro di alert volontario)
  4. Diretta video (tramite videocamera del Dispositivo)
  5. Contatto vocale in modalità Premi e Parla (PTT)
  6. Veglia periodica (pop-up automatico ricorrente che richiede un semplice click di conferma da parte del lavoratore isolato, in mancanza del quale viene inoltrato un alert automatico)

Il Dispositivo LWP richiede all’accensione un semplice sensor check guidato, che ne assicura il corretto funzionamento, riceve, inoltre, degli avvertimenti in caso di:

  • Livello batteria basso
  • Mancanza di connessione
Scopri di più sui livelli di protezione

Angelo Custode affianca i datori di lavoro nella gestione delle emergenze

Quali sono i benefici del nostro servizio di teleassistenza?

Soluzione immediata e integrabile al proprio sistema di sicurezza aziendale: non comporta investimenti in infrastrutture e in organizzazione;

Utilizzo di un addetto invece di due, laddove possibile, nel pieno rispetto delle prescrizioni e delle best practices per la protezione dei lavoratori isolati e in sintonia con i migliori principi di responsabilità sociale dell’impresa;

Reportistica completa con tutti i dettagli necessari alla tracciatura di ogni sessione di sicurezza attivata tra i lavoratori e il personale della Centrale SLI;

Servizio in outsourcing che assolve a tutti i provvedimenti legati alla sicurezza del lavoro isolato (D.Lgs.81/08; D.M. 388/03) mettendo al riparo da ripercussioni civili e penali.

Angelo Custode assiste il Lavoratore Isolato

Riusciamo a fornire teleassistenza di sicurezza ai Lavoratori Isolati e garantiamo:

Dispositivo di comunicazione per la protezione del lavoratore isolato di semplice utilizzo, per richieste di soccorso volontarie (tasto SOS) o automatiche (uomo a terra, immobilità)

Contatto diretto e personale con un operatore in grado di comunicare istantaneamente con il Lavoratore Isolato, verificarne la posizione, ricordargli le procedure da seguire e gestire le emergenze e le allerte;

Protezione adattabile al tipo di attività svolte, alleviando le componenti stressanti e aiutando così i Lavoratori Isolati a essere più attenti e lucidi quando devono prendere decisioni;

Riscontro tempestivo di possibili eventi potenzialmente dannosi, per ridurre al minimo i tempi di intervento a seguito della richiesta di soccorso del Lavoratore Isolato.

Scopri i diversi profili di teleassistenza Angelo Custode

Angelo Custode è disponibile in quattro profili standard, i cui nomi prendono spunto dai colori utilizzati nelle matrici di valutazione dei rischi: il profilo Verde per le lavorazioni a basso rischio, profilo Giallo per quelle a medio rischio, e Arancio ed Arancio Plus per quelle ad alto rischio.

In caso di ulteriori esigenze specifiche e per essere sicuri di soddisfare ogni necessità, offriamo anche opzioni su misura che permettono di personalizzare il profilo scelto.

Connessione

al sistema

Teleassistenza

reattiva

Disconnessione

dal sistema

Questo profilo di teleassistenza è indicato per chi desidera avere a disposizione una Centrale SLI (Sicurezza Lavoratore Isolato) con operatori pronti a reagire nell’immediato a una richiesta di soccorso volontaria.

Alcuni ambiti: Smart working, appartamenti protetti per anziani, anziani che vivono da soli, autotrasportatori in orario notturno, carri attrezzi, spargisale, custodi isolati.

01. Connessione al sistema

  • Il Lavoratore Isolato attiva sul proprio dispositivo l’applicazione SLI all’inizio del turno di lavoro.
  • L’Operatore SLI rileva l’avvenuta connessione, verifica l’attivazione del GPS, e richiede una prova SOS.

02. Teleassistenza reattiva

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare l’invio di una richiesta di soccorso volontaria in qualsiasi momento.
  • L’Operatore SLI è in stato di attesa.

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione premendo l’icona Emergenza sul display o l’apposito tasto, quindi può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’Operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

03. Disconnessione dal sistema

  • Il Lavoratore Isolato disattiva l’applicazione SLI al termine del turno di lavoro.
  • L’Operatore SLI cessa la teleassistenza al Lavoratore Isolato.

Connessione

al sistema

Teleassistenza reattiva

con controllo automatico

Disconnessione

dal sistema

Questo profilo di teleassistenza è indicato per chi desidera avere a disposizione una Centrale SLI (Sicurezza Lavoratore Isolato) con operatori pronti a reagire nell’immediato a una richiesta di soccorso volontaria o automatica, grazie al monitoraggio continuo dei parametri di stato dello smartphone.

Alcuni ambiti: Servizi di pulizia, Parchi, Consorzi di bonifica, Guardie ecologiche volontarie, Appaltatori tronchi autostradali (manutenzione manto e segnaletica, manutenzione di impianti tecnologici).

01. Connessione al sistema

  • Il Lavoratore Isolato attiva sul proprio Dispositivo l’applicazione SLI all’inizio del turno di lavoro, e in automatico si attivano i controlli automatici (Uomo a terra, Immobilità, Veglia Periodica). Effettua quindi la procedura di Sensor Check per verificare il corretto funzionamento del Dispositivo.
  • L’Operatore SLI rileva l’avvenuta connessione, verifica l’attivazione del GPS, il buon esito del Sensor Check, e che le protezioni automatiche previste si siano attivate.

02. Teleassistenza reattiva

  • Il Lavoratore può effettuare l’invio di una richiesta di soccorso volontaria o automatica in qualsiasi momento
  • L’Operatore SLI è in stato di attesa

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione, premendo l’icona Emergenza sul display o l’apposito tasto. In questo modo può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

Richiesta di soccorso automatica

  • Il terminale SLI inoltra in automatico all’Operatore SLI un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione geografica nel momento in cui viene rilevata un’anomalia rispetto ai livelli di protezione automatici impostati (Uomo a terra, Immobilità, Veglia). A questo punto il Lavoratore Isolato comunica con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

03. Disconnessione dal sistema

  • Il Lavoratore Isolato disattiva l’applicazione SLI al termine del turno di lavoro.
  • L’Operatore SLI cessa il servizio di teleassistenza al lavoratore.

Connessione

al software di teleassistenza

Teleassistenza

reattiva

Teleassistenza

proattiva

Disconnessione

dal sistema

Questo profilo è indicato per chi desidera avere una tutela specifica del Lavoratore Isolato nelle situazioni di rischio più elevato, grazie a una interazione tra il lavoratore stesso in campo e l’Operatore SLI. Quest’ultimo supervisiona conoscendo lo specifico sito di prestazione e la durata prevista dell’attività, e attivando il livello di protezione.

Alcuni ambiti: Custodi notturni con attività di manutenzione, manutentori di acquedotti/gasdotti/impianti fotovoltaici ed eolici/torri e cabine di radiocomunicazione/centrali e tralicci di elettrodotti.

01. Connessione al software di teleassistenza

  • Il Lavoratore Isolato attiva sul proprio smartphone l’applicazione SLI all’inizio del turno di lavoro, ed effettua la procedura di Sensor Check per verificare il corretto funzionamento del Dispositivo.
  • L’Operatore SLI rileva l’avvenuta connessione e verifica l’attivazione del GPS e il buon esito del Sensor Check.

02. Teleassistenza reattiva

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare l’invio di una richiesta di soccorso volontaria in qualsiasi momento.
  • L’Operatore SLI è in stato di attesa.

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione, premendo l’icona Emergenza sul display o l’apposito tasto. Così può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

03. Teleassistenza proattiva

Ingaggio

  • Il Lavoratore Isolato contatta la Centrale SLI quando sta per iniziare l’attività che richiede una protezione specifica.

Stretta di mano

  • L’Operatore SLI si presenta e acquisisce i dati identificativi del Lavoratore Isolato e della sessione di lavoro: dati personali, sito di lavorazione, livello di protezione richiesto e durata prevista dell’operazione.

Attivazione livelli di protezione

  • L’Operatore SLI configura lo smartphone del Lavoratore Isolato in base al livello di protezione previsto (Uomo a terra, Immobilità, Veglia Periodica).
  • Dopo che il Lavoratore Isolato ha confermato l’attivazione dei livelli di protezione, l’Operatore SLI comunica l’inizio della teleassistenza proattiva.

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione, premendo l’icona Emergenza sul display o l’apposito tasto. In questo modo può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

Richiesta di soccorso automatica

  • Il terminale SLI inoltra in automatico all’Operatore SLI un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione geografica nel momento in cui viene rilevata un’anomalia rispetto ai livelli di protezione automatici impostati (Uomo a terra, Immobilità, Veglia). A questo punto il Lavoratore Isolato comunica con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

Epilogo

  • Il Lavoratore Isolato comunica il termine dell’attività.
  • L’Operatore SLI disabilita i livelli di protezione impostati e torna a fornire teleassistenza reattiva (reazione immediata in caso di richiesta di soccorso) fino al successivo ingaggio o fino al termine della sessione di sicurezza data dalla disconnessione dal sistema.

04. Disconnessione dal sistema

  • Il Lavoratore Isolato disattiva l’applicazione SLI al termine del turno di lavoro.
  • L’Operatore SLI cessa la teleassistenza al Lavoratore Isolato.

Connessione

al sistema

Teleassistenza

reattiva

Teleassistenza

proattiva

Disconnessione

dal sistema

Questo profilo è indicato per chi desidera, oltre a una tutela specifica del Lavoratore Isolato per le situazioni di rischio più elevato, anche una tutela sulle responsabilità del datore di lavoro relativamente all’adozione dei DPI da parte dei dipendenti.

Alcuni ambiti: Manutentori di acquedotti/gasdotti/impianti fotovoltaici ed eolici/torri e cabine di radiocomunicazione/centrali e tralicci di elettrodotti, autotrasportatori di materiale pericoloso con attività di scarico.

01. Connessione al sistema

  • Il Lavoratore Isolato attiva sul proprio smartphone l’applicazione SLI all’inizio del turno di lavoro, ed effettua la procedura di Sensor Check per verificare il corretto funzionamento del dispositivo.
  • L’Operatore SLI rileva l’avvenuta connessione e verifica l’attivazione del GPS e il buon esito del Sensor Check.

02. Teleassistenza reattiva

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare l’invio di una richiesta di soccorso volontaria in qualsiasi momento.
  • L’Operatore SLI è in stato di attesa.

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione, premendo l’icona emergenza sul display o l’apposito tasto. A questo punto può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’Operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza

03. Teleassistenza proattiva

Ingaggio

  • Il Lavoratore Isolato contatta la Centrale SLI quando sta per iniziare l’attività che richiede una protezione specifica.

Stretta di mano

  • L’Operatore SLI si presenta e acquisisce i dati identificativi del Lavoratore Isolato e della sessione di lavoro: dati personali, sito di lavorazione, livello di protezione richiesto, durata prevista dell’operazione.

Attivazione livelli di protezione

  • L’Operatore SLI configura lo smartphone del Lavoratore Isolato in base al livello di protezione previsto (Uomo a terra, Immobilità, Veglia Periodica).
  • Dopo che il Lavoratore Isolato ha confermato l’attivazione dei livelli di protezione, l’Operatore SLI comunica l’inizio della teleassistenza proattiva.

Richiesta di soccorso volontaria

  • Il Lavoratore Isolato può effettuare, oltre alla chiamata vocale istantanea, l’inoltro di un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione, premendo l’icona Emergenza sul display o l’apposito tasto. In questo modo può comunicare con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI, dopo aver escluso l’eventualità di un falso allarme, si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

Richiesta di soccorso automatica

  • Il terminale SLI inoltra in automatico all’Operatore SLI un segnale di allerta contenente data, ora e localizzazione geografica nel momento in cui viene rilevata un’anomalia rispetto ai livelli di protezione automatici impostati (Uomo a terra, Immobilità, Veglia). A questo punto il Lavoratore Isolato comunica con l’Operatore SLI a mani libere.
  • L’Operatore SLI si mette in contatto con l’operatore AGE (Addetto Gestione Emergenze) per la gestione dell’emergenza.
  • L’operatore AGE procede con la gestione dell’emergenza.

Intervista

  • L’Operatore SLI ricorda al Lavoratore Isolato i dispositivi di sicurezza richiesti per la lavorazione specifica.

Epilogo

  • Il Lavoratore Isolato comunica il termine dell’attività.
  • L’Operatore SLI disabilita i livelli di protezione impostati e torna a fornire teleassistenza reattiva (reazione immediata in caso di richiesta di soccorso) fino al successivo ingaggio o fino al termine della sessione di sicurezza data dalla disconnessione dal sistema.

04. Disconnessione dal sistema

  • Il Lavoratore Isolato disattiva l’applicazione SLI al termine dell’operazione.
  • L’Operatore SLI cessa il servizio di teleassistenza al lavoratore.

Angelo Custode permette la personalizzazione di alcune fasi del processo di interazione tra Lavoratore Isolato e Centrale SLI. L’obiettivo è poter fornire al cliente una soluzione di teleassistenza per la sicurezza disegnata su ogni specifica esigenza, minimizzando il rischio per particolari mansioni.

Inizio e fine turno di lavoro

Scambio vocale con l’Operatore SLI a inizio e fine turno di lavoro, per dare un riscontro al Lavoratore Isolato della presenza di un supervisore dedicato alla teleassistenza, e al supervisore dell’ingresso di un nuovo lavoratore in servizio.

Agenda e Sbroglio

Questa fase può avvenire prima dell’inizio della sessione di sicurezza: gli Operatori SLI prendono in carico le sessioni programmate per la giornata (nome-sito-lavorazione).

É possibile impostare diversi livelli di protezione automatici in base alla lavorazione prevista per la specifica giornata.

Controllo automatico soglie batteria

Il Lavoratore Isolato in campo viene contattato dall’Operatore SLI e viene avvisato quando il livello di batteria dello smartphone scende al di sotto di una determinata soglia.

Vengono scelte e impostate due soglie: una di allerta e una seconda di allarme, che possono essere stabilite, per, esempio rispettivamente al 30% e al 10% della batteria.

Questa opzione non è attivabile per il Profilo Verde.

Intervista personalizzata

La fase dell’intervista (prevista nel Profilo Arancio Plus) può essere implementata con ulteriori funzioni di verifica di informazioni di sicurezza o di operatività, relativamente alla corretta dotazione dei DPI da parte del Lavoratore Isolato.

Per esempio, è possibile effettuare la simulazione dell’invio della richiesta di soccorso e/o il controllo sulla carica della batteria del terminale, che ne tutela il funzionamento durante le sessioni di sicurezza.

Geo-delimitazione

La geo-delimitazione permette di personalizzare molteplici momenti della teleassistenza rendendoli conseguenziali all’entrata del terminale in una determinata area precedentemente geo-referenziata.

Si possono collegare alla geo-localizzazione, per esempio, l’attivazione dei livelli di protezione (rendendola così automatica), l’invio di determinati messaggi, o la segnalazione alla centrale nel momento in cui una determinata area risulti presidiata o meno.

Teleassistenza video

Per un maggiore livello di protezione, è possibile ricorrere alla sorveglianza continua grazie alla teleassistenza video: l’Operatore SLI vede ciò che vede il Lavoratore Isolato in campo e può così assisterlo meglio durante il corso delle mansioni particolarmente critiche.

Grazie alla telecamera dello smartphone, il Lavoratore Isolato in campo trasmette la diretta video alla Centrale SLI, da dove il personale addetto alle emergenze monitora l’ambiente di lavoro assicurandosi che ogni operazione avvenga in condizioni di sicurezza.

Escalation personalizzata di emergenza non sanitaria

È possibile personalizzare il processo di escalation dell’emergenza di tipo tecnico (come l’emergenza ambientale, o incendio).

Per esempio, l’operatore AGE può gestire l’escalation dell’emergenza all’interno dell’organizzazione del cliente.

Diario e rapporto personalizzati

È possibile aggiungere la rendicontazione degli eventi di sicurezza, tramite un diario prodotto dalla Centrale SLI con cadenza settimanale o con frequenza concordabile in base alle esigenze specifiche.

Questo garantisce sia un notevole risparmio di tempo e risorse, sia la certificazione della qualità del lavoro svolto e delle procedure seguite correttamente.