I DIVERSI LIVELLI DI PROTEZIONE DI ANGELO CUSTODE

Con il servizio Angelo Custode, gli Operatori SLI (Sicurezza del Lavoratore Isolato) garantiscono teleassistenza di sicurezza ai lavoratori in campo. Poiché ogni lavorazione è caratterizzata da livelli di rischio specifici, è possibile ricorrere a diversi livelli di protezione, pensati per rispondere alle diverse esigenze.

Scopri di più

In caso di situazioni di immediato pericolo, l’operatore in campo può attivare una Chiamata di Emergenza dal proprio terminale tramite un apposito tasto oppure dallo schermo dello smartphone. Con la richiesta di soccorso volontaria, viene immediatamente inviato un segnale sonoro e visivo alla Centrale Operativa ed attivata la modalità di comunicazione a mani libere.

Sfruttando i sensori del terminale vengono identificate situazioni di inattività anomala (“immobilità”) o prolungata posizione orizzontale del terminale (“uomo a terra”). Trascorso un certo tempo in questa situazione il sistema invia una richiesta di soccorso automatica.

Sul Terminale SLI appare una finestra pop-up “Tutto bene?” con un intervallo personalizzabile (“veglia periodica”). In caso di tempo prolungato di mancata risposta da parte dell’Operatore in campo, viene inoltrata alla Centrale SLI una richiesta di soccorso.

Per le lavorazioni più pericolose, come ad esempio quelle svolte in presenza di materiale infiammabile, l’Operatore SLI può sorvegliare, tramite la soggettiva video in diretta, l’ambiente circostante il Lavoratore in campo.